lunedì 27 settembre 2010

"Semplice" o "Coniglietta"?

Ho visto per caso un film, che all'inizio sembrava superficiale ma guardandolo l'ho poi seguito con attenzione.
Sto parlando della commedia brillante con Anna Farris, resa celebre dalla saga demenziale "Scary Movie". Il film si chiama "La coniglietta di casa", una produzione USA 2008.

La protagonista, Shelley, coniglietta di Playboy, viene lincenziata per far posto a una nuova ragazza. Lei comunque continua ad essere superficialotta, ma tutto cambia quando incontra delle ragazze adepte di un club studentesco chiamato "ZETA". Il club aveva pochissime iscritte ed era composto da ragazze semplici ma istruite, e con pochissima inclinazione per il migliorare le loro figure e la figura del club stesso.


Shelley si propone come direttrice di questa associazione e all'inzio viene rifiutata perchè, nonostante la loro cultura queste ragazze non erano immuni dall'assioma 'bella uguale sciocca'. Comunque grazie all'aspetto fisico della donna, cominciano ad avvicinarsi dei ragazzi e di conseguenza si avvicinano anche alle consociate.


Lei viene accettata nel club finalmente, lo dirige e lo porta ad alti livelli, suscitando l'invidia delle ragazze più in vista e popolari del college.

Praticamente, ed è una mia considerazione, nel film la classica bellona superficiale e la ragazza semplice ma istruita e intelluale si unicono completandosi e migliorandosi a vicenda creando qualcosa di importante.


Sono anche convinta che esistano degli uomini che riescono ad andare oltre all'apparenza sentendosi principalmente attratti da quello che c'è dietro un viso o un corpo.
In conclusione il motto del club diventa "Sii come sei", che condivido pienamente.

Voi cosa ne pensate?
Voi come vi sentite? Semplici o conigliette?


Un abbraccio

Marica

11 commenti:

  1. Ciao Marica! L'ho visto anch'io questo film tempo fa... è divertente!! Comunque io mi sento una ragazza semplice... ma, a volte, mi piace fare la coniglietta!!! Buona giornata, Yle

    RispondiElimina
  2. Ciao Marica, bella domanda, forse l'avevo visto il film, carino, l'essere se' stesse implica tante volte anche coraggio, far valere le proprie idee, non adattarsi alle situazioni, ma agire secondo i propri istinti e modi d'essere, che possono essere molteplici a secondo dei momenti, siamo eclettiche quindi le due alternative sono riduttive, siamo tutto quello che vogliamo essere secondo me, abbiamo grandi risorse, per dimostrare quello che siamo veramente a dispetto della superficialita' con cui spesso veniamo giudicate dall'altra categoria o dalle persone:) Ciao bella grazie buon inizio settimana bacioni a tutte rosa

    RispondiElimina
  3. ciao Marica, che bel film. Io non l'ho mai visto ma mi sa che lo prenderò a noleggio prima o poi.
    Riguardo alla tua domanda devo dire che mi piacerebbe tanto essere coniglietta ma non si confà alla mia persona, quindi, la risposta è: semplice ma con un pizzico di invidia.
    a presto

    RispondiElimina
  4. Non è il mio genere di film, anche se come dici tu, a volte un film dall'apparenza superficiale può rivelarsi interessante.
    Riguardo al tuo quesito chi mi sta vicino sicuramente risponderebbe meglio, io credo che dipenda dalle circostanze!
    Baci
    Rosa

    RispondiElimina
  5. Buongiorno Marica, dev'essere carino quel film, la cosa che mi ha colpito nelle foto sono i colori, delicati ma al contempo vivaci e splendenti...
    Come mi sento? Bella domanda... Dipende dai momenti e dalle situazioni però cerco sempre di far emergere la mia femminilità, una donna deve essere donna e non voler emulare gli uomini, che sono un'altra cosa... Siamo nati diversi e dobbiamo restarlo!
    Quindi sono me stessa ma con femminilità ;)

    Buon lunedì a tutte e un bacio speciale alla Maricas :))

    Agnese

    RispondiElimina
  6. Ciao Mari,
    non conosco questo film, quel che posso dirti è che bisognerebbe astenersi dal giudicare a prescindere, ma soprattutto bisognerebbe astenersi dall'"etichettare" anche qualora i sospetti si rivelassero fondati...
    ...se si è consapevoli di essere su una strada che porta in direzioni più edificanti, si dovrebbe tendere una mano e dirigere la persona che "ha sbagliato strada" a ritrovare quella giusta, senza presunzione ma con disinteressata solidarietà.

    E quanto al "come mi sento"...
    ...beh, credo che "semplice" sia assolutamente sinonimo di "Maddy"...

    Ti abbraccio forte forte, gioietta bella*

    Maddy

    RispondiElimina
  7. ciao Marica,piacere di conoscerti!!
    Grazie della visita!!

    vuoi sapere come sono io? un Acquario volubile e sognatore,con i piedi piantati a terra e la testa tra le nuvole!!!

    un bacione!!

    Giusy ^_^

    RispondiElimina
  8. Ciao Marichina, il film non l'ho visto,credo che tutte siamo l'una e l'altra a seconda le circostanze,spesso giochiamo a interpretare ruoli che non ci appartengono nell'intimo , ma che comunque fanno un po' parte di noi. Il difficile è essere noi stesse sempre , credo che per quanti sforzi si faccia sia impossibile, perchè abbiamo un mondo intorno che talvolta ci chiede di indossare una maschera.
    Ciao stellina
    G
    Un baciottio stellina, qui sembra autunno inoltrato.

    RispondiElimina
  9. No,non l'ho visto il film peccato!!!...........
    Io mi sento semplice adesso, i panni della coniglietta l'ho riposti nel baule da diversi anni ormai! Ciao bellissima!
    Francy

    RispondiElimina
  10. ciao Marica, passavo di qui e ho visto il tuo blog
    mi piace molto complimenti.......
    continuerò a seguirti
    a presto roberta

    RispondiElimina
  11. Ciao a tutte !!! Sono contenta che questo post vi sia piciuto , era il mio intento :)

    Un saluto anche alle nuove arrivate , grazie ,siete carinissime .)

    Graciellas , cara , finalmente sei tornata ^_^

    Una serena notte a tutte ...)

    Marica

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...